Emergenza ucraina

Dettagli della notizia

Arrivi - sanità - istruzione - disponibilità alloggio - documenti- per viaggiare in Italia - se hai degli animali con te - donazioni al

Data:

11-03-2022

Emergenza ucraina

Descrizione

L’Amministrazione Comunale rende nota alla popolazione l’attivazione, a livello locale, di tutte le procedure e le iniziative atte a garantire adeguata ospitalità ai profughi provenienti dalle zone di guerra.
 

Arrivare in Italia... a Quinzano d'Oglio

L’Unione Europea il 3 marzo ha deciso di attivare la direttiva 2001/55/CE, che prevede norme minime per l’accoglienza la concessione della protezione temporanea per offrire alle persone in fuga dal conflitto in Ucraina una risposta adeguata alla loro situazione. Alle persone ammissibili sarà concesso uno status analogo a quello dei rifugiati, in qualsiasi paese dell'UE, per un periodo di un anno, rinnovabile.

Questi i semplici passi per regolarizzare la posizione ed avviare il percorso di richiesta del permesso di soggiorno per le persone ucraine che si trovino ospiti a Quinzano:

  • entro 48 ore dall’arrivo il cittadino quinzanese dovrà comunicare l’ospitalità alla Polizia Locale utilizzando la “dichiarazione di ospitalità” (scarica il modello qui sotto, nella sezione “Per approfondire”). Se ci sono dei documenti (passaporto, carte d’identità, ecc,) è bene allegarli. Il Comune di Quinzano d'Oglio provvederà a trasmettere le informazioni alla Questura.
  • Indicazioni importanti per soggiornare sul territorio italiano. Al momento, per il permesso di soggiono bisogna seguire le seguenti indicazioni: 
    • Tutti coloro che hanno presentato dichiarazione di ospitalità saranno ricontattati al numero di telefono fornito  ed invitati presso l'Ufficio Immigrazione per acquisire la domanda di permesso di soggiorno. In quella sede sarà indicata la documentazione da presentare il giorno dell'appuntamento.
    • Coloro che sono muniti di timbro di ingresso in area Schengen sul passaporto sono regolarmente soggiornati per 90 giorni e pertanto non è necessario fare immediata richiesta di permesso di soggiorno.
    • Coloro che non avessero documenti di identità validi per l'espatrio, sono invitati a recarsi presso il Consolato Ucraino di Milano in Via Ludovico di Breme 11, tel. 02.801333.

Inoltre il Consolato Generale d’Ucraina a Milano sulla propria pagina facebook (qui: https://m.facebook.com/milan.mfa.gov.ua/)  ha fornito ai propri concittadini aggiornate indicazioni in merito alla modalità per segnalare la propria presenza sul territorio italiano. In particolare per automatizzare il processo di raccolta delle informazioni relative ai cittadini ucraini in arrivo in Italia, ha creato un form da compilare segnando eventualmente il tipo di aiuto richiesto.

Il form è disponibile al seguente link (copiare ed incollare sulla barra di ricerca del browser internet):

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScwKS8wd9dFMkKd4U5Srm-63FyStAUYgFD7GgFgjlBG-SviTg/viewform?fbclid=IwAR0BrVNb3F_TAbxNXxfeQ70jU5b60xL-abCY7iCPTkcXhjLXTNmMLIqDB8U

Informazioni aggiornate sul sito  https://emergenzaucraina-brescia.it 

Ulteriori notizie sul sito del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, sezione sull’Emergenza Ucraina (in lingua italiana, inglese ed ucraina):

https://www.protezionecivile.gov.it/it/notizia/online-una-scheda-con-le-informazioni-utili-i-cittadini-ucraini-arrivo-italia-0

Immagine QRcode_benvenuti

Nell’ambito della situazione di emergenza, per coloro che ospitano i cittadini ucraini al momento NON  è richiesta alcuna certificazione di idoneità alloggiativa (art. 29 c. 10 D.Lgs. 286/1998 e D.Lgs. 85/2003 in attuazione della direttiva UE 2001/55).

 

 Assistenza sanitaria

L’assistenza sanitaria correlata all’emergenza Ucraina è garantita gratuitamente e senza necessità di quarantena all’arrivo... tuttavia entro 48 ore dall’ingresso in Italia le persone devono effettuare un tampone quanto prima le persone devono iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale  secondo le modalità spiegate dall'ATS cliccando sul link a fine pagina, link che rimanda ad un sito con informazioni aggiornate in tempo reale. Ciò è necessario anche per poter effettuare le vaccinazioni anti Covid.  Si comunica altresì che dal 16/05/2022 sono stati chiusi gli hotspot vaccinali ed informativi: pertanto è ora necessario rivolgersi agli sportelli ATS sul territorio. Per essere sempre aggiornati sulle indicazioni, che possono variare per motivi organizzativi, consultare le pagine dell'Autorità Sanitaria (ATS) al link qui di seguito: Informazioni e contatti https://www.ats-brescia.it/emergenza-ucraina

Immagine sanita

Informazioni per la cura delle malattie rare.  Telefono Verde Malattie Rare (TVMR) dell'Istituto Superiore di Sanità (servizio non in lingua ucraina), gratuito: 800 89 69 49, dal lunedi' al venerdì dalle 09,00 alle 13,00. Maggiori informazioni qui: MalattieRare_nVerde

 

Per frequentare la scuola


La Scuola italiana garantisce il diritto all’istruzione a tutti i bambini ed i ragazzi presenti sul suo territorio con un inserimento il più possibile vicino al luogo in cui si trovano a vivere.

L’iscrizione a scuola è subordinata al rispetto delle norme per il contenimento del Covid 19, secondo quanto disposto dalla circolare dell'ATS di Brescia (link a fondo pagina).

La Scuola italiana assicura ai ragazzi ed ai bambini ucraini:

-  il diritto all’istruzione;

-  l’offerta di occasioni di svago e sportive;

-  il supporto psicologico, sia per gli studenti che per le loro famiglie;

-  il supporto linguistico, anche con la collaborazione delle famiglie ospitanti o del volontariato.

per l’iscrizione a scuola rivolgersi all’istituto comprensivo di borgo san giacomo in Via Gabiano 13, telefonando preventivamente tel. 030.948474

Vaccinazioni-minori-Ucraina-vers.2

 

Disponibilità per ospitare profughi ucraini

La Prefettura di Brescia mette a disposizione su Google un modulo a questo link https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdR3kruvxKGqF-FObnYJy9XtVEIcvwJtdc3NRs-oq-K0JDpaw/viewform per comunicare la disponibilità ad ospitare profughi ucraini presso un’abitazione o una struttura ricettiva.

 

Se non ha documenti...
 

Se non si è provvisti di documenti, bisogna recarsi presso i Consolati Ucraini in Italia, che rilasceranno un certificato di identità provvisorio valido per sei mesi:

nota verbale

certificato

 

Per viaggiare in Italia con i mezzi pubblici

Il Dipartimento della Protezione Civile con l’art. 3 dell’Ordinanza n. 876 del 13/03/2022 dispone agevolazioni per i cittadini ucraini che entrano nel territorio dell’Italia per raggiungere il luogo di ospitalità. Essi, entro i 5 giorni dal loro arrivo, possono:

  • viaggiare gratuitamente sui treni di Trenitalia Intercity, Eurocity e Regionali. Le imprese ferroviarie regionali diverse da Trenitalia possono offrire la gratuità ma su base volontaria (non è per loro un obbligo);
  • viaggiare gratuitamente sulla rete autostradale dell’Italia;
  • viaggiare gratuitamente sui collegamenti marittimi per le isole.

I controllori dei biglietti e/o dei titoli di viaggio sono autorizzati a richiedere ai viaggiatori una dichiarazione che attesti lo stato di necessità correlato all’emergenza Ucraina.

Per le persone che transitano in autostrada su mezzo proprio è sufficiente presentare un documento che dimostri la cittadinanza ucraina. Qualora siano in fuga dalle zone di guerra ma non possiedano la cittadinanza, sono tenuti a rendere la dichiarazione prevista al punto precedente.

In macchina

I veicoli privi di Certificato Internazionale di Assicurazione ("Carta Verde") con targa ucraina utilizzati da profughi o da persone impossibilitate a rientrare nel proprio Paese, per circolare sul territorio italiano possono ottenere una copertura assicurativa gratuita per 30 giorni (cosiddetta "polizza di frontiera") garantita dall'UCI (Ufficio Centrale Italiano). Per ottenere questa polizza gli interessati dovranno fare richiesta per mail all'indirizzo  polizzefrontiera@ucimi.it  indicando un recapito mail ed allegando scansione dei seguenti documenti:

  1.  fronte/retro del libretto del veicolo;
  2.  terza pagina del passaporto di chi detiene il veicolo;
  3. se il veicolo è intestato a persona diversa da chi l'ha attualmente in uso, anche compilazione del modulo bilingue allegato alla circolare (link di seguito).

L'UCI provvederà a trasmettere al richiedente un modulo in formato .pdf valido per 30 giorni. Polizze di frontiera eventualmente rilasciate da altri Stati dell'Unione Europea sono pienamente valide anche sul territorio italiano. Maggiori informazioni ed il modulo di cui al punto 3 nella circolare n. 9250 del Ministero dell'Interno, Direzione Centrale per la Polizia Stradale, di seguito allegata. Nella circolare del 3/03/2022, invece, sono rioprtati tutti gli aggornamenti per poter continuare a circolare in Italia dopo la scadenza della copertura dei 30 giorni. circ. 30 marzo2022.

 

allegati:

circ 9250_trasporti e circ. 30 marzo 2022

 

Se hai degli animali con te - if you have a pet with you

 

Informazioni utili per i profughi ucraini in fuga con i propri animali d’affezione

 

Helpful information for people fleeing Ukraine with their pets

 

Корисна інформація для українських біженців, що біжать з тваринами прихильності

 

Caro cittadino ucraino,

ATS Brescia ha istituito un servizio gratuito di identificazione/registrazione e controllo sanitario del tuo animale/pet.

Ti chiediamo di inviare via mail a Ukrainapet@ats-brescia.it il modulo di registrazione Pet dove indicare, oltre ai tuoi dati (nominativo e recapiti), la specie, razza, sesso, microchip (si/no), luogo di domicilio in Italia.

I veterinari ATS ti contatteranno per visitare il tuo animale, identificarlo/registrarlo in anagrafe regionale e, se del caso, vaccinarlo contro la rabbia.

Ti raccomandiamo di mantenere il tuo animale (cane, gatto, furetto) isolato al domicilio senza contatti con persone o altri animali non conviventi e segnalare prontamente eventuale smarrimento/furto, episodio di morsicatura a persone/animali, decesso o cambio urgente di luogo di detenzione.

Grazie per la collaborazione.

 

Dear Ukrainian citizen,

ATS Brescia has set up a free service to check your pet’s health and perform microchipping/registration in the regional registry.

We kindly ask you to fill the pet registration form and send it by e-mail to Ukrainapet@ats-brescia.it.

In addition to your personal information (name and contacts), a section of the form needs to be completed with your pet data: species, breed, gender, microchip (yes/no), current address in Italy.

Official veterinarians will contact you to schedule a clinical examination of your pets, perform microchipping/registration in the regional registry and, if necessary, vaccinate them against rabies.

We strictly recommend you to keep your pets (dog, cat, ferret) isolated at home to prevent any contact with not cohabitating people or animals and promptly inform Ukrainapet@ats-brescia.it in case of loss/theft/death of your pet, animal/human bites caused by your pet, address changes.

Thank you for your cooperation.

 

Дорогі жителі України .

Інститут ATS Брешія дає безплатне обслуговування для реєстрації і санітарний огляд твоєї тварини.

Просимо надіслати mail Ukrainapet@ats-brescia.it анкета реестрації "Pet" де написати крім своїх даних (ім'я ,фамілія ,адреса)порода, походження собаки(хлопець,дівчинах,мікрочіп)(так,ні)і місце проживання в Італії.

Ветеринари ATS тобі подзвонять ,для перевірки твоєї собаки (реєстрація,паспорт)в області і зроблять вакцину проти сказу.

Просимо тримати твою тварину (собаку,кота) в закритій без контакту з людьми які непроживають з нимиУ випадку викрадення ,покусання персон,смерті або термінового переїзду повідомити нас.

Дякуємо за співпрацю.

MODULO REGISTRAZIONE PET

 

Donazioni al comune per emergenza Ucraina

Carissimi Quinzanesi

l'Amministrazione Comunale, per fronteggiare l'emergenza sociale derivante da Covid-19 e guerra russa, ha messo a disposizione un IBAN per ricevere libere donazioni da parte di chi vorrà dare una mano ai più bisognosi.

Questi aiuti, salvo improbabili avanzi, resteranno tutti sul territorio e ci consentiranno di coprire le spese derivanti dalla gestione dei 26 profughi già ospitati a Quinzano, quasi tutti donne con minori a carico e in progressivo aumento.

Un simile contributo privato, da parte di cittadini e aziende, ci consentirà di non sottrarre risorse destinate ai residenti locali, aiutando quindi sia i profughi ucraini sia il crescente numero di quinzanesi in carico ai servizi sociali a seguito della pandemia.

Per legge, infatti, le spese correnti che il Comune può destinare in aiuti ai cittadini non possono attingere al "tesoretto" capitale; in sostanza, pur avendo i soldi in cassa, l'alternativa sarebbe stata l'aumento indiscriminato di tasse e tributi.

Le donazioni (non detraibili) dovranno obbligatoriamente indicare come causale "Emergenza Ucraina", con bonifico intestato al Comune di Quinzano d'Oglio e IBAN IT06G0306954855100000046039.

Il periodo è difficile per tutti: non servono grandi importi, ma piccoli aiuti da parte di chi se li può ancora permettere, magari rinunciando a una cena o a un acquisto online per offrire un’opportunità di vita in più a chi, davvero, ne ha bisogno.

Per capire meglio cosa sta succedendo e l’utilità di questa iniziativa, leggi la Lettera aperta del Sindaco alla cittadinanza.

Piattaforma per la richiesta di contributi

Richiesta di contributi al sito della Protezione Civile Nazionale: È online la piattaforma del Dipartimento della Protezione Civile che permette alle persone in fuga dalla guerra in Ucraina di richiedere il contributo di sostentamento per sé, per i propri figli, per i minori di cui si ha tutela legale. Il contributo – che ha l’obiettivo di offrire un primo sostegno economico in Italia – è destinato a chi ha presentato domanda di permesso di soggiorno per protezione temporanea e ha trovato una sistemazione autonoma anche presso parenti, amici o famiglie ospitanti. Per richiedere il contributo su https://contributo-emergenzaucraina.protezionecivile.gov.it è necessario avere il Codice Fiscale (indicato nella ricevuta della domanda di permesso di soggiorno per protezione temporanea), un numero di cellulare e una email. Per conoscere nel dettaglio requisiti e modalità di richiesta del contributo è disponibile un vademecum in italiano, inglese e ucraino, disponibile in lingua italiana, inglese ed ucraina a questo link https://contributo-emergenzaucraina.protezionecivile.gov.it/#/vademecum .

 

Per comunicazioni telefoniche relative al rilascio del permesso di soggiorno la questura ha messo a disposizione il n. 030.3744701 (attivo dalle 8 alle 13 dal lunedì al venerdì)

A cura di: Ufficio Servizi Sociali

Ultimo aggiornamento: 09-07-2024

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 150 caratteri