Diritto di autotutela

Ultima modifica 9 aprile 2021

L'Amministrazione può procedere, d'ufficio o su domanda del cittadino, all'annullamento dei propri atti tramite autotutela solo nel caso in cui risultino illegittimi o infondati in quanto viziati da un errore.

Ad esempio, nel caso di avviso di accertamento per mancato pagamento di un tributo, il contribuente può chiederne l'annullamento, dimostrando l'avvenuto pagamento.

È necessario fare una richiesta in carta semplice indicando gli estremi dell'atto errato e allegare la documentazione che attesta l'errore commesso dall'ufficio.